Questo sito contribuisce alla audience di

Gala, Antonio

poeta e autore drammatico spagnolo (Cordova, 1936). Molto attivo, ha scritto volumi di poesia (Enemigo íntimo, premio Adonais 1959), saggi brevi, in parte raccolti nel volume En propia mano.Cuaderno de la Dama de Otoño (1984-86) e numerosi soggetti di film e pellicole televisive. Nel teatro, dopo un notevole e meritato successo con Los verdes campos del Edén (premio nazionale per il Teatro, 1963), si è confermato autore di indubbie doti con Noviembre y un poco de yerba (1967), Los buenos días perdidos (1969), Por qué corres, Ulises? (1976). A partire dagli anni Novanta, Gala si è dedicato anche alla narrativa, rivelando doti di elegante affabulatore e di abile tessitore di intrecci sia in El manuscrito carmesí (1990), raffinato esempio di romanzo postmoderno, sia in La pasión turca (1993). Fra le raccolte antologiche delle sue opere, si segnala Andaluz (1994).