Questo sito contribuisce alla audience di

Gennàdio II

nome assunto dal filosofo bizantino Giorgio Scolario come patriarca di Costantinopoli (Costantinopoli 1405-monastero del Prodromo dopo il 1472). Resse per ben tre volte la sede patriarcale di Costantinopoli; partecipò al Concilio di Firenze e sotto i Turchi fu capo civile e religioso dei Greci, evitando persecuzioni alla Chiesa ortodossa. In polemica con Gemisto Pletone (Sui dubbi di Pletone intorno ad Aristotele), propugnò il ritorno ad Aristotele dimostrando che era più conciliabile con la dottrina cristiana di ogni altro filosofo pagano. Ha lasciato un'immensa opera, in parte inedita, che comprende scritti teologici, grammaticali, didattici e innumerevoli lettere.

Media


Non sono presenti media correlati