Questo sito contribuisce alla audience di

Ghirri, Luigi

fotografo italiano (Scandiano 1943-Reggio Emilia 1992). Cominciò a fotografare all'età di trent'anni, durante una serie di viaggi compiuti in Francia, Svizzera e Olanda. Nel 1973 la scoperta delle Verifiche di U. Mulas lo confermò nel proposito di proseguire sulla strada della sperimentazione; a questo primo periodo risalgono le serie Atlante (1973), Infinito (1974), formata da 365 foto del cielo, una per ogni giorno dell'anno, e Paesaggi di cartone (1974), in cui emerge l'atteggiamento ironico e giocoso dell'artista nei confronti del suo soggetto, un'Italia rappresentata attraverso bizzarri accostamenti ed effetti trompe-l’-oeil, sempre in bilico tra verità e finzione, realtà e stereotipo. Nel 1975 Ghirri espose le sue opere ad Amsterdam nell'ambito della mostra Il sistema dell’assenza e fu designato “scoperta dell'anno” dalla rivista Time Life. Nel 1979 il Centro studi e archivio della comunicazione (CSAC) di Parma gli dedicò una mostra antologica destinata a consacrarlo indiscusso protagonista della fotografia italiana contemporanea. Nel frattempo si era avvicinato agli ideali artistici dei concettuali modenesi, di cui si avverte l'influenza nelle raccolte Colazione sull’erba (1974) e Kodachrome (1978). Quest'ultimo volume, in particolare, testimonia il proposito di studiare i segni e interpretarli, scavando sotto le apparenze per cogliere la reale essenza degli uomini e delle cose. Consacrato alla Photokina del 1982 tra i venti autori più significativi della fotografia del XX secolo, due anni dopo Ghirri fu tra gli artefici della mostra Viaggio italiano, che riscosse grande successo anche all'estero. Le sue opere sono conservate al Centro Studi e Archivio della Comunicazione (CSAC) di Parma e in vari musei (Amsterdam, Arles, Cambridge, New York, Parigi). All'inizio del 2001 Reggio Emilia l'ha ricordato con una mostra antologica composta da più di 600 immagini. Oltre alle pubblicazioni già citate, meritano una menzione Polaroid (1983), Il profilo delle nuvole (1989) e la raccolta postuma Niente di antico sotto il sole (1997), che oltre a un'antologia di immagini contiene anche interviste e tutti gli scritti.

Collegamenti