Questo sito contribuisce alla audience di

Goyen, William

scrittore statunitense (Trinidad, Texas, 1915-Los Angeles 1983). Formatosi nell'ambiente del Texas, il cui spirito straniato e surreale riempie la sua narrativa, Goyen fu anche critico letterario. The House of Brath (1950) fu il suo esordio narrativo, nel quale rivelò la caratteristica di scrittore visionario e apocalittico. Doti che ritroveremo nei successivi romanzi, The Fair Sister (1962) e Arcadio (1983). Ma è soprattutto nei racconti (The Collected Stories of William Goyen, 1975) che si evidenzia il carattere spirituale e maledetto dell'arte di Goyen: sono racconti di avventura, di suspense, di amore e morte, di mutilazione e di orrore, in cui la voce dell'inconscio si leva in un'atmosfera surreale e onirica, come se lo scrittore si liberasse scrivendo delle sue ossessioni, e la scrittura, non più prigioniera degli orpelli di un'immaginazione spesso eccessiva e goticheggiante, rivelasse i temi esistenziali di sempre: l'amore, la perdita, la morte. Scrittore difficile, Goyen fu, in vita, più conosciuto all'estero che in patria, dove giunse a notorietà solo dopo la morte.