Questo sito contribuisce alla audience di

Gròtte di Castro

comune in provincia di Viterbo (48 km), 467 m s.m., 39,29 km², 2967 ab. (grottani), patrono: santi Flavio e Faustina (7 maggio).

Centro dei monti Volsini, dominante il lago di Bolsena. Di origine etrusca, fu devastato dai Longobardi (sec. VII) e dai Saraceni (sec. IX). Dopo la ricostruzione fu soggetto a Orvieto, che lo cedette alla Chiesa nel 1265. Dal 1537 al 1649 fu parte del Ducato di Castro. § Il nucleo medievale, con case in tufo è dominato dalla basilica di Maria Santissima del Suffragio, iniziata nel 1625 da G. Rainaldi su fondamenta dei sec. IX-X, mentre la chiesa di San Pietro ha un bel campanile (sec XV). Il Museo Civico raccoglie notevoli reperti etruschi e medievali. § L'agricoltura produce patate, a cui è dedicata una grande sagra, uva, frumento, olive, fragole e miele; l'industria è attiva nei settori calzaturiero, alimentare e dell'abbigliamento.