Questo sito contribuisce alla audience di

Hepworth, Barbara

scultrice inglese (Wakefield, Yorkshire, 1903-St. Ives, Cornovaglia, 1975). Studiò alla Leeds School of Art e al Royal College of Art di Londra; dopo un lungo soggiorno in Italia (1924-26), nel 1928 tenne la sua prima personale a Londra. Con Moore, Nash e Nicholson (divenuto suo marito nel 1931) fondò il gruppo “One Unit”. Nell'evoluzione della sua opera (su cui agirono in origine le influenze di Mondrian, Arp, Brâncusi, Gabo) importante è la produzione degli anni Quaranta, caratterizzata da una serie di sculture (eseguite in Cornovaglia) più intensamente partecipi alla suggestione del paesaggio naturale: forme modulate, aperte alla luce e ai colori, spazi nuovi sottratti ai volumi plastici attraverso lo scavo della materia nei cui vuoti s'intreccia un gioco geometrico di vibranti fili metallici (Scultura con colore e corde, 1939-61; Scultura ovale, 1943; Pelagos, 1946). Su questa linea di ricerca la scultrice ha sviluppato la sua opera successiva (Orfeo, 1956, Londra, Mullard House).