Questo sito contribuisce alla audience di

Hua Kuo-feng

uomo politico cinese (Jiaocheng, provincia dello Shanxi 1920-Pechino 2008). Membro del Comitato Centrale (1969), poi (1973) del Politburo, nel 1975 divenne vice primo ministro e nel 1976 primo ministro. Alla morte di Mao Tse-tung, gli succedette alla presidenza del partito (7 ottobre 1976), conservando la carica di primo ministro. Esponente della linea moderata, inaugurò un nuovo corso della politica cinese: eliminata l'ala radicale del partito (la cosiddetta banda dei quattro), si impegnò in visite ufficiali (1978) in Romania, Iugoslavia, Iran, mentre l'Albania rompeva i legami preferenziali con la Cina. Confermata la politica di ostilità nei confronti dell'URSS, avviò un'apertura all'Occidente culminata nella ripresa di rapporti diplomatici tra Cina e USA (dicembre 1978). Progressivamente emarginato dal vice primo ministro Teng Hsiao-ping, nel 1980 venne sostituito nella carica di primo ministro da Zhao Ziyang e nel 1981 da Hu Yaobang alla presidenza del partito.

Media


Non sono presenti media correlati