Questo sito contribuisce alla audience di

Huber, Klaus

compositore svizzero (Berna 1924). Allievo di W. Burkhard e di B. Blacher ha accolto l'influsso di Webern e per qualche verso di Boulez e Stockhausen. La sua produzione, per lo più di ispirazione religiosa, si caratterizza per una costante ricerca timbrica. Tra le opere: gli oratori Cuius legibus rotantur poli e Soliloquia (1959-64); Tenebrae (1966-67) per orchestra e Tempora (1970) per violino e orchestra.

Media


Non sono presenti media correlati