Questo sito contribuisce alla audience di

Jean, Raymond

romanziere e critico francese (Marsiglia, 1925). Docente di letteratura francese, è stato addetto culturale negli Stati Uniti e in Unione Sovietica. Nei primi romanzi tratta il tema dell'isolamento e della solitudine nella realtà quotidiana: Ruines de New York (1959), La Ligne 12 (1973); successivamente affronta i temi storici, come in La fontaine obscure (1977), sui processi per stregoneria nel Seicento francese, e L'or et la soie (1983), i romanzi di maggior successo. Collegato all'école du regard del Nouveau Roman è Photo-souvenir (1980), una rassegna visiva dei suoi viaggi. I successivi romanzi denotano invece una vena edonistica ed erotica: La lectrice (1986), portato sullo schermo da Michel Deville, e Transports (1988); più recenti, La cafetière (1995), un romanzo-provocazione, Le clou: dialogue en sept journée (1995) e Èlouard (1995). Come saggista è autore di La poétique du désir (1974) e di Cézanne, la vie, l'espace (1986).

Media


Non sono presenti media correlati