Questo sito contribuisce alla audience di

Keresztury, Dezsö

poeta e saggista ungherese (Zalaegerszeg 1904- ? 1996). Lettore di ungherese a Berlino, ministro della Pubblica Istruzione, bibliotecario dell'Accademia d'Ungheria, ha sempre svolto un'importante attività di critico letterario su riviste e giornali ungheresi destinati all'estero. I suoi saggi critici sono raccolti nei volumi Il nostro posto nel mondo (1946), che contiene scritti di critica sociale e nazionale e di politica culturale, Retaggio (1970), serie di ritratti critici di poeti e letterati ungheresi, La via dell'autocoscienza ungherese (1985). Come poeta indugia nella descrizione del paesaggio patrio, oppure sferza con aspro sarcasmo le offese ai valori morali e culturali (Gli esametri dell'Oltretomba, Pazienza ardente).

Media


Non sono presenti media correlati