Questo sito contribuisce alla audience di

Krklec, Gustav

scrittore croato (Udbinja, Lika, 1899-Zagabria 1977). Le sue liriche (Lirica, 1919; Strada d'argento, 1921; Gita in cielo, 1928), riunite nelle Opere raccolte (1932), rivelano un clima d'immaginismo cosmico e di latente espressionismo. Più tardi la guerra gli ispirò immagini di sofferenza e di morte (La prigione del tempo, 1944). Un ritorno alla serenità è annunciato in: Tre poemi (1950), Quinquennio lirico (1951) e Gorgoglio di vita (1955). Ha sviluppato il suo pensiero critico in: Schegge notturne (1960), Sogno di una notte d'estate (1972) e Chiodi di legno (1973).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti