Questo sito contribuisce alla audience di

Kuramata, Shirō

designer giapponese (n. Tōkyō 1934-1991). Studiò a Tōkyō presso la Technical High School of Art e il Kuwasawa Institute of Design; nel 1965 fondò il Kuramata Design Office per poi trasferirsi a Milano dove incontrò E. Sottsass e iniziò la collaborazione con il gruppo Memphis. Ha partecipato a numerose mostre internazionali, esponendo i suoi mobili caratterizzati dai concetti di trasparenza, smaterializzazione delle masse ed esaltazione della luce. Tra queste, Green Gallery Collection (Tōkyō, 1976), “Ma-space” al Musée des Arts Decoratifs (Parigi, 1981), la personale a Londra del 1982, il First Memphis Show (Milano, 1984), “Phoenix Exibition” (Toronto, 1985-86) e l'antologica al Museo Civico di Milano del 1986. Tra i suoi progetti meritano di essere ricordati: a Tōkyō, ristorante Circus (1969), Carioca Building (1971) e varie boutiques (1971-87); negozio Esprit a Hong Kong (1983), boutiques Issery Miyake di Parigi, New York (1984) e Tōkyō (1987); infine, i mobili disegnati per Cappellini negli anni Ottanta del sec. XX, la poltroncina Miss Blanche (1988), realizzata interamente in plexiglas che imprigiona nella struttura una miriade di boccioli di rose rosse e le due sedute in omaggio a Joseph Hoffmann. Nel 1996 gli è stata dedicata la prima grande retrospettiva al Hara Museum di Tōkyō, curata da Sottsass.

Media


Non sono presenti media correlati