Questo sito contribuisce alla audience di

Lèvi-Montalcini, Rita

neurobiologa italiana (Torino 1909-Roma 2012). Dopo essersi laureata in medicina nel 1936, svolse attività di ricerca presso l'Università di Torino. Nel 1939, in quanto di famiglia ebraica, fu costretta per la promulgazione delle leggi razziali a trasferirsi in Belgio. Tornata in Italia nel 1940 proseguì i suoi studi di neuroembriologia sperimentale, in un laboratorio casalingo. Nel 1947 fu invitata alla Washington University di Saint Louis nel Missouri, dove rimase per 30 anni proseguendo le sue ricerche. Nel 1948, compì un interessante scoperta relativa a un frammento del “sarcoma 180”: questo tumore dei topi, impiantato in un embrione di pollo, in breve tempo viene invaso da fibre nervose prodotte dall'embrione. Continuati i suoi studi sul “sarcoma 180”, nel 1953 dimostrò che questo produce gli stessi effetti in una coltura di tessuto nervoso rimossa dall'embrione e, poco dopo con S. Cohen, isolò il fattore che determina questa crescita, la proteina universalmente nota come NGF (Nerve Growth Factor), che controlla la crescita dei neuroni. Sempre in collaborazione con Cohen determinò inoltre la struttura principale della molecola proteica, ottenendo tutti e due, per queste scoperte sulla proteina, nel 1986 il premio Nobel per la medicina e la fisiologia. Tornata definitivamente in Italia nel 1977, le venne affidata la direzione dell'Istituto di biologia cellulare di Roma. Tra le sue pubblicazioni si ricordano: Elogio dell'imperfezione (1987), racconto della sua esperienza umana e scientifica, unita a quella delle persone incontrate e amate; Senz’olio, controvento (1996), un libro in ricordo di amici scomparsi dal titolo; L’asso nella manica a brandelli (1998); La galassia mente (1999), un'affascinante ricostruzione dell'evoluzione del sistema nervoso; Abbi il coraggio di conoscere (2004), Tempo di azione (2004) e il libro per ragazzi Eva era africana (2005), Cronologia di una scoperta (2009). Per i suoi altissimi meriti nel campo sociale e scientifico nel 2001 venne nominata senatore a vita.

Media


Non sono presenti media correlati