Questo sito contribuisce alla audience di

Lòngi

comune in provincia di Messina (131 km), 616 m s.m., 42,12 km², 1653 ab. (longesi), patrono: san Leone (20 febbraio, prima domenica di maggio e 23 agosto).

Centro situato nella valle del fiume Milè; è compreso nel Parco Regionale dei Nebrodi. L'abitato sorge su un gradino che domina un tratto del corso incassato del fiume San Basilio. Appartenne ai Lanza dal sec. XIII fino al 1659, quando passò a Silvestro di Napoli.§ Al Medioevo risalgono la torre campanaria di una chiesa distrutta e il castello. La chiesa madre della Santissima Annunziata (ricostruita nel sec. XIX), con campanile quattrocentesco, custodisce una Madonna gaginesca, un Ecce Homo ligneo barocco e un coro del sec. XVII.§ L'economia si basa sull'agricoltura (cereali, olive, ortaggi e frutta), sull'allevamento (bovini e suini) e sul turismo estivo.§ Nei dintorni è la scenografica grotta del Lauro, con resti di un villaggio dell'Età del Rame.

Media


Non sono presenti media correlati