Questo sito contribuisce alla audience di

López Pacheco, Jesús

narratore, poeta e saggista spagnolo (Madrid 1930-London, Ontario, 1996). Giornalista, collaboratore editoriale insegnò all'università del Western Ontario in Canada. Come poeta lirico pubblicò Dejad crecer este silencio (1952), Pongo la mano sobre España (1961) e Delitos contra la esperanza (1970), vietato dalla censura spagnola. Alla narrativa neorealistica e impegnata appartengono i romanzi Central eléctrica (1957), El hijo (1967), La hoja de parra (1975; La foglia di fico). Buon esempio di teatro per ragazzi è Juguetes en la frontera (1965). La sua attività letteraria si diversificò successivamente tra poesia, prosa e teatro: per la lirica si segnala il libro Asilo poético, pubblicato nel 1990, per il teatro l'opera Máquina contra la Soledad o la Scherazada electrónica (1989) e per la prosa l'antologia di racconti Lucha contra el Murciélago (1990). Importante è l'ultimo suo lavoro, Ecólogas y urbanas (1996), un'opera miscellanea che riunisce versi, prose, proverbi, aforismi, con cui López Pacheco intese testimoniare la propria irriducibile fede nella parola.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti