Questo sito contribuisce alla audience di

Le Bret o Lebret, Cardin

legista francese (? 1558-Parigi 1655). Avvocato generale al Parlamento di Parigi (1604) e difensore del maresciallo Auere, consigliere di Stato (1625) e intendente dei “Tre vescovadi”, contribuì all'istituzione del Parlamento di Metz (1633) e preparò l'unione della Lorena alla Francia. Contro i pericoli disgregatori del sistema politico medievale, per un corretto funzionamento dello Stato, sostenne la politica di Richelieu tendente all'assolutismo monarchico. Delle sue varie opere giuridiche e politiche, riedite tutte nel 1689, si ricorda principalmente Traité de la souveraineté du Roi, de son domaine et de sa couronne (1632), nella quale espresse la sua concezione assolutistica del potere e tratteggiò la figura del buon sovrano come pastore del proprio popolo.