Questo sito contribuisce alla audience di

Lechoń, Jan

pseudonimo del poeta polacco Leszek Serafinowicz (Varsavia 1899-New York 1956). Tra i fondatori e i maggiori esponenti del gruppo poetico Skamander, nel 1940 si stabilì negli USA. Tra le sue raccolte di versi si ricordano Poema cremisi (1920), Argenteo e nero (1924), Liuto dopo Bekwark (1942) e Aria del carillon (1945).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti