Questo sito contribuisce alla audience di

Lusòn/Lüsen

comune in provincia di Bolzano (54 km) 971 m s.m., 74,24 km², 1455 ab. (lusonesi/Lüsner), patrono: san Giorgio (23 aprile).

Centro posto nella val di Luson, immissaria della valle Isarco. Il territorio, che fu sede di un abitato nell'Età del Bronzo, nel Medioevo appartenne ai vescovi di Bressanone e fu infeudato ai Rodank. § Dalla collina di Burgen dominano il paese i resti del castello, forse dei Rodank, distrutto nel sec. XIII. La chiesa di San Giorgio, del sec. XVI e ricostruita nel Settecento, conserva affreschi di J. Mitterwurzer del 1773. A Pezze, sul sito tradizionalmente ritenuto di un santuario pagano e di una sorgente curativa, sorge la chiesetta di San Nicolò, del sec. XVI e rimaneggiata nel 1833. § L'agricoltura produce cereali, patate e foraggi; si praticano l'allevamento bovino e lo sfruttamento dei boschi. Vivaci sono il turismo (escursionistico, di villeggiatura, di soggiorno nei centri benessere) e le attività commerciali collegate. L'industria opera nei settori edile, elettrico e dello stampaggio dei metalli.

Media


Non sono presenti media correlati