Questo sito contribuisce alla audience di

Màggio

famiglia di attori italiani, i cui maggiori esponenti furono Beniamino (Napoli 1907-1990) che, proveniente dalla sceneggiata e dalla rivista, s'impose all'attenzione della critica nei tardi anni Cinquanta del sec. XX, interpretando parti di primissimo piano nella Compagnia scarpettiana diretta da E. De Filippo; Dante(Napoli 1909-Roma 1992); Pupella (Napoli 1910-Roma 1999) che, passata per le medesime esperienze di Beniamino, arrivò a coprire il ruolo di prima attrice nella compagnia di De Filippo e a interpretare personaggi di grande impegno in spettacoli come L'Arialda di Testori, diretta da L. Visconti, e La madre di Brecht. Nel 1995 tornò sulle scene per interpretare Oberon di U. Chiti. Nel 1983 i Maggio parteciparono, insieme alla sorella Rosalia (Napoli 1920-1995), allo spettacolo Era 'na sera 'e maggio, che riuniva, con la regia di Antonio Calenda, numeri del loro antico repertorio.

Media


Non sono presenti media correlati