Questo sito contribuisce alla audience di

Marano Lagunare

comune in provincia di Udine (40 km), 2 m s.m., 90,57 km², 2048 ab. (maranesi), patrono: san Vito (15 giugno).

Centro situato sulla riva settentrionale della laguna di Marano. Fortezza dei patriarchi di Aquileia, assegnato nel 1031 al capitolo della cattedrale, fu più volte occupato da Venezia, che lo ebbe definitivamente nel 1420. Conquistato dagli imperiali (1513), poi dai francesi (1542), nel 1543 tornò ai veneziani.§ Simbolo della città è l'antica torre patriarcale detta “la Millenaria”, di incerta origine, ma documentata nel Quattrocento, con stemmi e busti dei provveditori veneti. Attigua alla torre è la loggia municipale (sec. XV). La parrocchiale di San Martino (1753) conserva due reliquiari del 1362, una tela di scuola veneta (sec. XVI) e tre pale d'altare di A. Marinetti.§ L'agricoltura produce cereali e foraggi; si pratica l'allevamento bovino. L'industria opera nei settori meccanico, termoidraulico, navale, conserviero, alimentare e della lavorazione del legno. Attivi il commercio e la lavorazione dei prodotti ittici. L'intera area lagunare (Valle Canal Novo e Foci dello Stella e del Corno) costituisce un raro ecosistema di grande valore naturalistico e turistico.

Media


Non sono presenti media correlati
. Webtrekk 3.2.2, (c) www.webtrekk.com -->