Questo sito contribuisce alla audience di

Michèa

uno dei dodici profeti minori del popolo ebraico (Morešet-Gat sec. VIII a. C.). Contemporaneo d'Isaia, apparteneva al regno di Giuda e profetò sotto i re Ioathan, Achaz ed Ezechia. Simile in alcune parti alla profezia di Isaia, il suo messaggio alterna le minacce alle promesse in uno stile vivido e drammatico: la religione non si riduce alle formalità esteriori dei riti e dei sacrifici, ma richiede nel fedele la pratica della giustizia, l'amore per la misericordia e l'umiltà al cospetto di Yahwèh. Problemi di critica testuale sono quelli riguardanti l'autenticità di alcuni testi, che esplicitamente o implicitamente presuppongono l'esilio in Babilonia del 587 o altri avvenimenti posteriori. Il testo è molto corrotto e le versioni non ne facilitano la lettura.

Media


Non sono presenti media correlati