Questo sito contribuisce alla audience di

Michailìdis, Vasìlis

poeta cipriota (Lefkonico di Cipro 1849-Limassol 1917). Esordì nel 1882 con il volume Lira debole, scritto in katharéyusa, demotico e dialetto cipriota, seguito nel 1911 dalla raccolta Poesie, nella quale compaiono alcune delle sue liriche più belle, tra cui Nove luglio 1821 a Nicosia di Cipro, in cui sono descritte le torture inflitte ai martiri ciprioti durante la rivoluzione.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti