Questo sito contribuisce alla audience di

Monastèro di Lanzo

comune in provincia di Torino (37 km), 825 m s.m., 17,64 km², 428 ab. (monasteresi), patrono: santa Anastasia (terza domenica di novembre).

Centro della valle del torrente Tesso, affluente di sinistra della Stura di Lanzo. Il capoluogo e le numerose borgate sorgono sulle pendici occidentali del contrafforte che divide la valle del Tesso da quella della Stura. Nel 1011 esisteva il monastero benedettino da cui deriva il nome del sito. Il paese fu poi feudo, con il titolo di contea, dei Giriodi di Costigliole.§ La parrocchiale cinquecentesca custodisce un altare maggiore ligneo barocco, mentre il campanile è romanico (sec. XII). Del Settecento è il santuario della Madonna di Marsaglia, che sorge a 1350 m presso la sorgente del Tesso.§ L'economia si basa sull'agricoltura e sull'allevamento bovino, cui si collega la produzione di latte e formaggi.

Media


Non sono presenti media correlati