Questo sito contribuisce alla audience di

Moneo, José Rafael

architetto spagnolo (Tudela, Navarra, 1937). Laureatosi presso la Scuola di Architettura di Madrid nel 1961, dopo una prima esperienza in Danimarca, si trasferì in Italia come borsista all'Accademia di Spagna a Roma. Di ritorno in patria, nel 1965 iniziò l'attività professionale e di insegnamento a Madrid, continuata a Barcellona, Losanna, Princeton e Harward dove dal 1985 assunse la direzione della Graduate School of Design. Nel 1974 fondò a Barcellona, con altri, la rivista Arquitecturas-Bis, intervenendo così nel dibattito sul rinnovamento architettonico spagnolo con un intenso lavoro di critica. Architetto eclettico e vicino all'organicismo madrileno, ha realizzato: stabilimento Diestre a Saragozza (1965), casa Gomez Acerbo a Moraleja (1966-68), l'edificio Urimea a San Sebastian (1969-71), l'edificio Bankinter a Madrid (1973), il municipio di Logroño (1981), l'edificio della Previsión Espanola di Siviglia (1982). Fedele alla lezione compositiva classica e attento alla funzione espressiva dei materiali, tra le sue successive realizzazioni si ricordano: il Museo d'Arte Romana di Mérida (1986-88), un edificio terziario a Siviglia (1988), l'ampliamento della Stazione di Atoche a Madrid (1989), l'edificio del Banco de Espana a Jaén e la Biblioteca a Tarragona (1990), l'Auditorium di Barcellona per le Olimpiadi 1992 e il progetto, premiato nel 1991, per il nuovo palazzo del Cinema di Venezia, nuova sede della Biennale del cinema dal 1995. Ha firmato inoltre alcuni dei più interessanti progetti degli anni Novanta, tra i quali il piano per il restauro e la ristrutturazione del Palazzo di Villahermosa a Madrid (1990), finalizzato alla sistemazione della ricchissima collezione Thyssen-Bornemisza, il progetto per i Musei d'arte e architettura a Stoccolma (1990), il Centro congressi e l'Auditorium del Kursaal a San Sebastián (1990), il progetto per il restauro del Refettorio del monastero di Santa Maria di Guadalupe a Barcellona (1991), il Centro Culturale Don Benito a Badajoz (1995), l'ampliamento del Municipio di Murcia (1995), e ha elaborato progetti per lo Houston Museum of Fine Arts (1992) e per un edificio destinato a uffici e attività commerciali nella Potsdamer Platz a Berlino (1993). L'opera di Moneo è stata oggetto di numerose mostre, nel 1993 a Vienna, Basilea e Stoccolma e nel 1994 presso il Museo dell'architettura finlandese a Helsinki. Nel 1996, l'architetto è stato insignito del Pritzker Architecture Prize, il massimo riconoscimento internazionale del settore, e allo stesso tempo ha ricevuto la Medaglia d'oro dell'Accademia di Architettura di Francia e quella dell'Unione internazionale degli architetti. Nel 2002 ha presentato un progetto di allestimento esterno del Museo del Prado.