Questo sito contribuisce alla audience di

Monfalcóne

Guarda l'indice

comune in provincia di Gorizia (24 km), 7 m s.m., 20,52 km², 26.293 ab. (monfalconesi), patrono: Madonna della Salute (21 novembre).

Generalità

Città industriale ai piedi del Carso, si stende nella pianura a E dell'estuario del fiume Isonzo, su entrambe le sponde del canale Valentinis, che alimenta il Porto Rosega. L'area urbana si congiunge a S con l'antico centro di Panzano, oggi popoloso sobborgo residenziale, che dà il nome al golfo, su cui si affacciano i cantieri navali che hanno reso il nome di Monfalcone famoso nel mondo.

Storia

Già abitata in età preistorica, fu colonia romana. Decaduta nell'alto Medioevo per l'impaludamento della regione e le incursioni barbariche, passò ai patriarchi di Aquileia, ottenendo statuti cittadini nel sec. XIII, epoca a cui risale il nome attuale. Passata nel 1420 a Venezia, che ne rafforzò le difese facendone un avamposto in funzione antiasburgica e antislava, con il Trattato di Campoformido (1797) fu ceduta agli Asburgo. Dal 1805 al 1815 fece parte del Regno d'Italia e tornò poi all'Austria. Alla fine della prima guerra mondiale (che procurò gravi danni) passò all'Italia, che l'aveva già occupata dal 1915 al 1917.

Arte

In cima a un'altura di tipo carsico è la rocca medievale, sorta sul sito di un antico castelliere e rifatta dai veneziani nel sec. XVI. Ai piedi del colle si trova il centro con le sue ampie piazze, il duomo, ricostruito nel sec. XX, e il Palazzo del Municipio (sec. XIX). Ai margini della città è la chiesa della Marcelliana, antico santuario rifatto nel sec. XVIII; custodisce una Madonna col Bambino in pietra di forme tardoromaniche (forse sec. XIII).

Economia

Ai cantieri navali, impiantati nel 1907 e potenziati nel primo dopoguerra e nel 1961 con la costituzione di una vasta zona industriale, è tradizionalmente legata l'economia cittadina; qui sono state varate molte delle grandi navi da crociera. L'industria è attiva anche nei settori chimico, meccanico, elettromeccanico, siderurgico, energetico, tessile, alimentare (in particolare surgelati), cartario, delle materie plastiche, del legno, dei giocattoli, dell'abbigliamento, della meccanica di precisione (orologi), dell'arredamento e dei componenti d'arredo. Sviluppato il terziario, legato alle attività del porto.

Curiosità

La città ha dato i natali al cantautore Gino Paoli (1934).