Questo sito contribuisce alla audience di

Morrovalle

comune in provincia di Macerata (16 km), 245 m s.m., 42,60 km², 9226 ab. (morrovallesi), patrono: san Bartolomeo (24 agosto).

Centro tra le valli del torrente Asola e del fiume Chienti. Fondato, secondo la leggenda, da Carlo Magno, fu borgo fortificato in epoca medievale. Nel sec. XIII subì danni nelle lotte con Civitanova e con il rettore della Marca, mentre nel sec. XV fu assediato e preso da Alfonso d'Aragona. Le successive vicende videro l'occupazione sforzesca e l'annessione allo Stato Pontificio. § Il palazzo Lazzarini, il Palazzo Comunale, con torre civica e porticato, la chiesa di Sant'Agostino e il Palazzo del Podestà si affacciano sulla piazza principale che conserva intatto l'aspetto medievale; notevoli anche la Casa Romagnoli, tra le più antiche della città e palazzo Roberti. § L'agricoltura è molto specializzata, con predominanza di orticoltura, barbabietole e cereali; assai sviluppato è l'allevamento bovino, suino e avicolo, mentre l'industria è molto attiva nei settori calzaturiero (con fabbriche di scarpe e pantofole e relativo indotto), meccanico, alimentare e tessile.