Questo sito contribuisce alla audience di

Nòvi Lìgure

Guarda l'indice

comune in provincia di Alessandria (23 km), 197 m s.m., 54,22 km², 27.223 ab. (novesi), patrono: Madonna della Neve (5 agosto).

Generalità

Cittadina posta all'estremità meridionale della pianura alessandrina. Il nucleo più antico sorge in collina; la parte moderna, invece, nelle aree pianeggianti del circondario, con quartieri residenziali dalle vie ampie e regolari e zone industriali.

Storia

Denominata Castrum Novum nel 1050 (e in seguito Nove), fu cinta di mura e assoggettata dai tortonesi nel sec. XI; libero comune nel sec. XII, poi nuovamente di Tortona, nel 1347 passò ai Visconti. Dopo lunghe contese fu acquisita dai genovesi (1447-1815) e conobbe un periodo di prosperità, affermandosi come crocevia commerciale. Nelle vicinanze, il 15 agosto 1799, le truppe austro-russe sconfissero l'armata repubblicana francese.

Arte

Nella parte antica ed elevata della città, in un parco pubblico, sono i resti del castello, con l'alta torre quadrata (sec. XIII), tratti dei bastioni e delle mura, che in parte furono abbattute nella seconda metà del sec. XIX. Nel centro antico sorgono numerosi palazzi edificati dalle nobili famiglie genovesi (sec. XVII-XVIII), con colori e decorazioni tipicamente liguri. La collegiata barocca di Santa Maria Maggiore (seconda metà sec. XVII), ricca di stucchi, conserva lo straordinario gruppo ligneo del Crocifisso nero, con la “Vergine Lacrimosa” (sec. VIII). Pure barocca è la chiesa della Maddalena, che conserva un gruppo scultoreo ligneo rappresentante la scena del Calvario e un gruppo statuario in terracotta (Pietà) del sec. XVI. Il teatro “Romualdo Marenco”, costruito nel 1839 e in seguito dedicato al musicista novese (1841-1907), è decorato da dipinti del pittore genovese Giuseppe Isola.

Economia

L'economia, un tempo fondata sul settore commerciale, si basa prevalentemente sull'industria, attiva nei comparti alimentare (dolci, soprattutto cioccolato, e prodotti da forno), enologico, metalmeccanico (macchine utensili e carpenterie), siderurgico, farmaceutico, chimico (gas tecnici e vernici), cartario, della lavorazione del vetro e del legno (arredamenti, serramenti e imballaggi), impiantistico e dell'abbigliamento. Sono numerosi i depositi logistici, i centri commerciali e le società di trasporti. Anche l'agricoltura è tuttora molto attiva, con produzione di cereali, uva, barbabietole, ortaggi e foraggi per l'allevamento.

Curiosità e dintorni

A Novi è legata una parte importante della storia del ciclismo: vi nacque Costante Girardengo (1893-1978) e vi dimorò Fausto Coppi (1919-1960).Il Museo dei Campionissimi è dedicato a questo sport.Nei dintorni della cittadina è la chiesa romanica della Madonna della Pieve, appartenente a un monastero benedettino e ricostruita nel 1678: preceduta da un porticato, conserva affreschi del pittore piemontese Manfredino Bosilio (1474). Sui colli circostanti sono sparse dimore signorili, antiche sedi di villeggiatura dei nobili liguri.

Media


Non sono presenti media correlati