Questo sito contribuisce alla audience di

Ninétta del Verzée

poesia milanese di C. Porta (1814). È la storia di una prostituta, che narra a un cliente le vicende scabrose della sua seduzione e poi della sua perdizione a opera dell'uomo amato, che l'ha spogliata di tutto, sfruttandola prima nel suo lavoro di pescivendola, poi nel commercio che essa fa di se stessa. Con un linguaggio violentemente realistico è messa a nudo una sordida realtà e si esprime una pena struggente, senza luce di speranza.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti