Questo sito contribuisce alla audience di

Okudžava, Bulat Šalvovič

scrittore russo (Mosca, 1924-Parigi, 1997). Poeta, narratore e sceneggiatore, nonché chansonnier, Okudžava divenne in tutto il mondo l'emblema della libertà dell'artista contro l'oppressione politica. Figlio di genitori vittime delle purghe staliniane, volontario nella seconda guerra mondiale, iniziò a lavorare in Georgia dove aveva studiato. Trasferitosi a Mosca, divenne redattore di una casa editrice e diede inizio a un'intensa attività politico-culturale ferocemente critica nei confronti dell'establishment politico. Divenuto famoso tra i giovani dopo la pubblicazione della raccolta di poesie Isole (1959), diede vita insieme ad altri cantautori e poeti all'interessante fenomeno della “letteratura del nastro magnetico”, consistente nella diffusione di nastri registrati contenenti opere di narrativa e canzoni ufficialmente proibite. Okudžava fu autore di romanzi storici come Appuntamento con Bonaparte (1986) e di racconti di vita quotidiana come Lezioni di musica (1985). I suoi dischi furono venduti in tutto il mondo ma il suo successo fu determinato più dal significato politico delle sue opere che dal loro valore artistico. Nel 1994 ottenne il prestigioso premio Russian Booker.

Media


Non sono presenti media correlati