Questo sito contribuisce alla audience di

Palo del Còlle

comune in provincia di Bari (16 km), 177 m s.m., 79,09 km², 20.852 ab. (palesi), patrono: Santissimo Crocifisso di Auricarro (15 settembre).

Centro situato sul primo gradino murgiano. L'abitato è formato da un nucleo medievale (Terra di Palo) sulla sommità del poggio e da una parte moderna (il Borgo) estesa in pianura. Va forse identificato con la peuceticaPalio, i cui abitanti sono ricordati da Plinio. Il borgo si formò nel Medioevo seguendo le vicende storiche di Bari. Nel nucleo antico, con vie strette e tortuose, sorge la cattedrale di Santa Maria della Porta (sec. XII, modificata nel XVI), che conserva la facciata, il transetto e il campanile originari. § L'economia è basata sull'agricoltura, con estesi oliveti, vigneti, mandorleti e frutteti che alimentano un fiorente commercio. L'industria opera nei settori alimentare (vini Castel del Monte DOC e aleatico di Puglia DOC, olio, salumi e dolci), cartotecnico, metalmeccanico, dell'arredamento e dell'abbigliamento. § Durante il Carnevale si svolge il Palio del Viccio, una bizzarra corsa di asini montati da cavalieri mascherati, che devono cercare di colpire con uno spiedo una vescica appesa piena d'acqua. Chi vince riceve in dono un viccio (un tacchino).