Questo sito contribuisce alla audience di

Papanikoláu, Gheórghios

anatomista greco (Kýmē, Eubea, 1883-Miami 1962). Professore di anatomia clinica al Cornell College di New York, condusse ricerche sulla morfologia e fisiologia del sistema endocrino e dell'apparato genitale. Ha legato il suo nome a una prova diagnostica per l'accertamento precoce dei tumori dell'apparato genitale femminile.

Detto anche Pap-test o esame colpocitologico, consiste nell'esame microscopico delle cellule contenute nel secreto vaginale e permette l'individuazione di casi iniziali di cancro dell'utero, soprattutto quando la lesione è localizzata al collo. La tecnica di questo test è semplice ma richiede estrema precisione per evitare errori di interpretazione. Si preleva il secreto vaginale mediante aspirazione o per mezzo di una spatola; tale materiale viene strisciato su appositi vetrini, trattato con liquidi fissatori e coloranti e studiato al microscopio. Gli elementi cellulari vengono classificati secondo la forma e la colorazione che hanno assunto e i caratteri del nucleo. Uno dei tanti vantaggi dell'esame colpocitologico è l'innocuità e la facilità del prelievo per cui può essere ripetuto più volte senza danno, anche indipendentemente da sintomi sospetti. Può anche essere utilizzato per lo studio della situazione ormonale della donna, in base alle modificazioni che subiscono le cellule della mucosa vaginale per azione degli ormoni sessuali.