Questo sito contribuisce alla audience di

Paradiso, Antonio

artista italiano (Santeramo, Bari, 1936). Dopo aver studiato a Milano all'Accademia di Brera con M. Marini, comincia a realizzare sculture in cui, lavorando con la pietra di Murgia, declina forme geometriche in figure che rimandano a pani, funghi, colonne, macine, madie, ponti levatoi, forme su cui la sfera ha netta prevalenza e i cui diversi elementi sono spesso collegati con catene. Dagli anni Settanta del Novecento si interessa a ricerche di tipo concettuale: tra le performance che mette in scena, si ricorda l'esibizione di un toro nell'atto di accoppiarsi con una mucca meccanica, azione proposta in occasione della Biennale di Venezia del 1972. Dagli anni Ottanta ha viaggiato molto in Africa e compiuto studi di antropologia e paleontologia, indagando come integrare l'esperienza scientifica nell'arte antropologica.