Questo sito contribuisce alla audience di

Peary, Robert Edwin

esploratore statunitense (Cresson 1856-Washington 1920). Laureatosi in ingegneria navale, nel 1881 eseguì in Nicaragua i lavori di rilevamento per un canale navigabile che gli Stati Uniti progettavano di costruire attraverso l'istmo. Si dedicò quindi all'esplorazione della Groenlandia, contribuendo in maniera determinante a migliorarne la conoscenza e dimostrandone tra l'altro l'insularità. Dopo aver compiuto un primo viaggio nel 1886 partendo dalla baia di Disko e spingendosi all'interno per 160 km, il 4 luglio 1891 scoprì sulla costa nordorientale dell'isola la baia dell'Indipendenza, che così chiamò in ricordo dell'anniversario dell'indipendenza statunitense. L'anno successivo, sbarcato sulla sponda groenlandese dello stretto di Smith, si diresse verso NE raggiungendo la latitudine di 82º N e scoprendo la Terra che da lui prese il nome. Dopo aver compiuto altre spedizioni tra il 1893 e il 1898 venne man mano maturando il proposito di raggiungere il Polo Nord: durante il primo tentativo (1902) raggiunse gli 84º17´ di latitudine N, col secondo (1906) gli 87º6´. Il 28 febbraio 1909 partì da Capo Columbia (Terra di Grant) e, servendosi di slitte trainate da cani, raggiunse per primo il Polo Nord il 6 aprile . Al suo ritorno in patria, Peary fu colmato di onori e promosso ammiraglio. Scrisse varie opere, tra cui La scoperta del Polo Nord.