Questo sito contribuisce alla audience di

Portìlia, Andrèa di-

tipografo italiano (n. Torino sec. XV). Introdusse la stampa a Parma, esordendo con un piccolo trattato di Plutarco nella traduzione di Guarino Veronese, De liberis educandis (1472). L'anno seguente era a Bologna, dove pubblicò un Repertorium utriusque iuris, per tornare poi a Parma e restarvi fino al 1482. Di qui si recò di nuovo a Bologna e poi a Reggio (1484), dove impiantò un'altra tipografia. La sua produzione, per lo più di testi giuridici, era tecnicamente trascurata ma di larga diffusione. La sua edizione più nota è il Repertorium iuris di Pietro de Monte (1475, 3 vol. in folio).

Media


Non sono presenti media correlati