Questo sito contribuisce alla audience di

Priuli

antica famiglia patrizia veneziana forse originaria d'Ungheria. Esclusa dal Maggior Consiglio nella serrata del 1297, vi fu inclusa nel 1310 nella persona di Niccolò, provveditore in Dalmazia e podestà di Treviso, a causa dei meriti acquisiti in occasione della congiura di Baiamonte Tiepolo. Divisasi successivamente in vari rami, godette di grande prosperità grazie soprattutto all'attività bancaria (sec. XIV-XV), ma decadde in seguito alla crisi dei secoli successivi. Tra i suoi membri: Francesco (ca. 1430-1490) nel 1485 liberò l'isola di Cipro assediata dal sultano d'Egitto; Lorenzo (m. 1559), savio agli Ordini e ambasciatore presso Carlo V, fu eletto doge nel 1556; Girolamo (m. 1567), fratello di Lorenzo, gli succedette al dogato nel 1559; Lorenzo (1537-1600), ambasciatore alla corte di Spagna e patriarca di Venezia (1591), venne nominato cardinale da Clemente VIII nel 1596; Antonio (m. 1623), capitano di galera a Lepanto, riformatore dello Studio di Padova e procuratore di S. Marco, fu doge dal 1618; sotto di lui avvenne la congiura del Bedmar; Matteo (1583-1624), figlio del doge Antonio, ebbe il cappello cardinalizio nel 1616; Piero (1669-1728), vescovo di Bergamo, fu cardinale (1706), come anche Alvise (1651-1720) e Antonio Mario (1707-1772).

Media


Non sono presenti media correlati