Questo sito contribuisce alla audience di

Raffadali

comune in provincia di Agrigento (16 km), 420 m s.m., 22,19 km², 13.336 ab. (raffadalesi), patrono: Madonna degli Infermi (seconda domenica di luglio).

Cittadina situata in una conca tra i fiumi Platani e Imera Meridionale. Il suo nome deriva dall'arabo Rahal-Afdal (“casale eccellente”). Fu concessa in feudo nel 1523 a Pietro Montaperto, alla cui famiglia restò fino all'abolizione della feudalità (sec. XIX).§ Nella chiesa cinquecentesca della Madonna degli Infermi, fondata da Pietro Montaperto, si trova un sarcofago di età romana (proveniente dalle cavità sepolcrali scavate alla base del monte Grotticelle) su cui è raffigurato il Ratto di Proserpina. Su un'ampia piazza alberata si affaccia il settecentesco palazzo dei Montaperto.§ L'economia si basa sull'agricoltura, che produce mandorle, pistacchi, olive, uva e cereali, e sull'allevamento bovino, ovino e caprino.È praticato l'artigianato del ferro battuto.

Media


Non sono presenti media correlati