Questo sito contribuisce alla audience di

Ricciardi, Achille

scrittore e teorico del teatro italiano (Sulmona 1884-Roma 1923). Legato ai movimenti d'avanguardia, sviluppò fin dal 1906 una sua concezione del “teatro del colore” che tentò di attuare nel 1920 al Teatro Argentina, con la collaborazione fra l'altro dello scenografo E. Prampolini. Secondo Ricciardi il colore non doveva più essere accessorio, ma agire nel dramma come espressione psicologica degli attori e dell'ambiente. La realizzazione scenica di testi vari (Maeterlinck, Wilde, ecc.) rivelò i limiti d'astrattezza della concezione ricciardiana.

Media


Non sono presenti media correlati