Questo sito contribuisce alla audience di

Roethke, Theodore

poeta statunitense (Saginaw, Michigan, 1908-Bainbridge Island, Seattle, 1963). Figlio di emigrati prussiani, amico di Auden e di W. C. Williams, maturò all'ombra della lezione dello stesso Auden e di Spender e risentì quindi anche dell'influsso di Eliot. Vincitore di numerosi premi letterari, pubblicò il suo primo volume di versi, Open House (Casa aperta), nel 1941. Seguirono altre raccolte tra cui The Lost Son (1948; Il figlio perduto), The Waking (1953; Il risveglio), Words for the Wind (1957; Parole per il vento), The Far Field (1964; Il campo lontano), ecc. Poeta ricco di riferimenti letterari, Roethke affronta spesso nelle sue poesie il tema dell'infanzia, tramite il quale egli tenta forse di risolvere quell'angoscia esistenziale da cui scaturisce in ultima analisi la sua ansia di scrivere.

Media


Non sono presenti media correlati