Questo sito contribuisce alla audience di

Saccóni, Giusèppe

architetto italiano (Montalto delle Marche 1854-Collegigliato, Pistoia, 1905). Studiò a Roma e in seguito entrò nello studio di L. Carimini, col quale collaborò nel restauro della Santa Casa di Loreto. Nel 1884 vinse il concorso per il monumento a Vittorio Emanuele II a Roma, del quale diresse i lavori dal 1885 fino alla morte. Fu deputato e direttore dell'ufficio regionale per la conservazione dei monumenti delle Marche e dell'Umbria (1891-1901). Il suo nome resta legato alla realizzazione del monumento a Vittorio Emanuele II (Vittoriano), vistoso complesso retorico e magniloquente, espressione di un classicismo ormai decadente. Fra le altre sue opere, la cappella espiatoria di Monza.

Media


Non sono presenti media correlati