Questo sito contribuisce alla audience di

Sassofeltrio

comune in provincia di Pesaro e Urbino (43 km da Pesaro), 466 m s.m., 20,87 km², 1229 ab. (sassofeltresi), patrono: san Biagio (3 febbraio).

Centro su uno sperone gessoso nella valle del torrente Conca. Citato come “Serra del Sasso” nella donazione di Pipino il Breve alla Chiesa (sec. VIII) e con il nome di Sassum fra i castelli infeudati a Ulderico di Carpegna da Ottone I (962), fu sotto il dominio dei Malatesta (sec. XIII-XIV) e poi dei Montefeltro. Più volte trasformata, la roccaforte edificata nel Quattrocento su progetto di Francesco di Giorgio Martini cadde totalmente in rovina nel sec. XIX.§ L'estrazione e la lavorazione del gesso, la manifattura di mobili e d'abbigliamento e l'agricoltura (cereali, foraggi e ortofrutta) costituiscono la base dell'economia locale. Le fonti di acque sulfuree e alcaline animano il turismo estivo e termale.

Media


Non sono presenti media correlati