Questo sito contribuisce alla audience di

Scòla, Èttore

regista cinematografico italiano (Trevico, Avellino, 1931 - Roma 2016). Sceneggiatore di commedie all'italiana, spesso in collaborazione con R. Maccari, ha esordito nella regia nel 1964. Si è messo in luce nel 1968 con Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Africa?, grande successo al botteghino ripetuto, nel 1970, con Dramma della gelosia. Tutti i particolari in cronaca è il primo di una lunga serie di film girati con M. Mastroianni (protagonista insieme a M. Vitti e G. Giannini). Tre anni più tardi ha realizzato Trevico-Torino, uno dei suoi lavori più personali, mentre con C'eravamo tanto amati, vincitore al Festival di Mosca nel 1975, ha offerto un sensibile affresco di vita nazionale. Nel 1976 si è aggiudicato il premio per la migliore regia al Festival di Cannes con Brutti, sporchi e cattivi. I film successivi, tutti di valore, hanno confermato la sua sapienza registica: Una giornata particolare (1977), La terrazza (1980), Passione d'amore (1981), Ballando, ballando (1983). Dopo il poco riuscito Maccheroni (1985), nel 1987 ha diretto La famiglia, nobilitato da un cast di grandi nomi (V. Gassman, S. Sandrelli e F. Ardant). Non allo stesso livello i lavori successivi, fra cui si ricordano Che ora è (1989), Il viaggio di Capitan Fracassa (1990), Mario, Maria e Mario (1993), Romanzo di un giovane povero (1995), con A. Sordi, La cena (1998). Successivamente ha diretto Concorrenza sleale (2000) e Gente di Roma (2003). Nel 2001 è stato conferito a Scola, per i suoi meriti artistici, l'importante riconoscimento della Legion d'onore della Repubblica francese.Nel 2003 ha debuttato nella lirica, dirigendo Così fan tutte di Mozart.

Media


Non sono presenti media correlati