Questo sito contribuisce alla audience di

Semèstene

comune in provincia di Sassari (55 km), 405 m s.m., 39,72 km², 227 ab. (semestenesi), patrono: san Giorgio (23 aprile).

Centro del Logudoro, situato al margine settentrionale dell'altopiano della Campeda. Sorto nei pressi di una mansio romana, dal sec. XI fu parte della curatoria di Costaval, compresa nel Giudicato di Torres, e agli inizi del secolo successivo divenne patrimonio del vicino monastero di San Nicolò di Trullas. Passato ai Doria con la morte di Adelasia di Torres (1255), che segnò la fine del giudicato, e conquistato dagli Aragonesi nel sec. XV, seguì poi le sorti della vicina Bonorva.La parrocchiale di San Giorgio, di origine medievale e ricostruita nel Cinquecento, ha un portale di gusto classico e l'alto campanile con guglia.§ L'economia si basa sull'agricoltura, che produce soprattutto cereali, e sull'allevamento ovino, bovino e caprino.§ Nei dintorni, oltre al monumentale nuraghe Scolca, sorge la chiesetta di San Nicolò di Trullas, superstite del monastero camaldolese documentato dal 1114. La chiesa, di forme romanico-pisane, ha la facciata divisa in due ordini, quello inferiore aperto da un semplice portale e quello superiore ornato da una loggia cieca.

Media


Non sono presenti media correlati