Questo sito contribuisce alla audience di

Sommacampagna

comune in provincia di Verona (13 km), 121 m s.m., 40,96 km², 13.001 ab. (sommacampagnesi), patrono: sant’ Andrea (30 novembre).

Centro situato nell'estremo settore orientale dell'anfiteatro morenico del lago di Garda. Di origine romana e ricordato in documenti del 930, appartenne ai vescovi e poi al comune di Verona, divenendo comune autonomo nel sec. XII. Dopo le dominazioni scaligera, viscontea e carrarese, passò a Venezia (1405). Vi si svolsero due famose battaglie, poi conclusesi a Custoza, che videro gli austriaci avere la meglio su Carlo Alberto (1848) e sul generale La Marmora (1866).§ Nella città sorge la chiesa di Sant'Andrea (sec. XI-XII), con interno a tre navate riccamente affrescate. Fuori dell'abitato si trova il santuario della Madonna del Monte, del sec. XV ma ricostruito nel XVIII. Numerose le residenze signorili, tra cui villa Forlati e villa Fiocco, entrambe cinquecentesche, e le settecentesche villa Campostrini-Gianfilippi e villa Livio. In località Custoza si trovano villa Pignatti-Morano (sec. XVII), con ricco interno e ampio parco, e l'ossario, costruito nel 1879 a ricordo delle due battaglie.§ L'economia si basa sull'agricoltura (ortaggi, frutta, uva da vino), l'allevamento avicolo e l'industria, attiva nei settori alimentare, meccanico, conciario, cartotecnico, chimico, elettrotecnico (strumenti per le telecomunicazioni), dell'abbigliamento, dell'arredamento (mobili) e della lavorazione dei metalli, del legno e delle materie plastiche.

Media


Non sono presenti media correlati