Questo sito contribuisce alla audience di

Swanson, Glòria

attrice cinematografica statunitense (Chicago 1898-New York 1983). Partner di attori comici e interprete di commedie in “due rulli”, divenne star in una serie domestico-mondana di C. B. De Mille tra il 1919 e il 1921 (Don't change your husband, Male and female, Why change your wife?) in cui sfoderò fascino, eleganza e un certo sofisticato non conformismo. Dopo Beyond the rocks (1922) con R. Valentino, Zazà (1923) e altri film che le permisero di disporre di sé come produttrice, affrontò nel 1928 le due prove più impegnative: Sadie Thompson (1928; Tristana e la maschera) di R. Walsh e Queen Kelly di E. von Stroheim (purtroppo incompiuto sia per motivi di censura, sia per l'arrivo del parlato). Proprio al fianco di von Stroheim affrontò nel 1950 il personaggio drammatico e largamente autobiografico di Sunset Boulevard (1950; Viale del tramonto) di B. Wilder. Apparve ancora in Mio figlio Nerone (1956) e in Airport '75 e recitò saltuariamente anche in teatro (specie in Twentieth Century di B. Hecht, nel 1950) e in televisione.