Questo sito contribuisce alla audience di

Tórre di Mósto

comune in provincia di Venezia (59 km), 2 m s.m., 38,34 km², 4302 ab. (torresani), patrono: san Martino (11 novembre).

Centro situato alla destra del basso corso del fiume Livenza. Sorto in epoca romana, si sviluppò nel sec. VII intorno alla torre fatta costruire nel 697 dal doge Pietro II Orseolo, a difesa dei confini veneziani. Compreso nella giurisdizione di Eraclea, in seguito al trasferimento dei dogi a Malamocco fu assegnato ai da Mosto, famiglia di cui fece parte l'esploratore Alvise Cadamosto.§ L'economia si basa sull'agricoltura (cereali, uva da vino, foraggi, barbabietole da zucchero), sull'allevamento bovino e sull'industria, attiva nei settori alimentare, ottico, edile, elettronico e della lavorazione del legno e dei metalli.

Media


Non sono presenti media correlati