Questo sito contribuisce alla audience di

Teogonìa

(greco Theogonía). Poema religioso e cosmogonico in 1022 esametri del greco Esiodo (sec. VIII a. C.). La prima parte è una cosmogonia, la seconda espone, come dice il titolo, la “generazione degli dei”. Inizia col Caos e la Terra, dai quali, uniti da Amore, nasce il Cielo, padre a sua volta di Crono; questi è detronizzato da suo figlio Zeus, che abbatte anche i Titani e i Giganti e assume il dominio sugli altri dei. Opera di compilazione, essa accoglie disordinatamente credenze e miti diversi in un'esposizione spesso arida e schematica. Momenti di vera poesia Esiodo raggiunge quando riesce a rendere con plastica evidenza il furore di forze primigenie in lotta nel passaggio dal caos all'ordine naturale degli elementi del cosmo.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti