Questo sito contribuisce alla audience di

Terzìgno

comune in provincia di Napoli (27 km), 105 m s.m., 23,51 km², 15.870 ab. (terzignesi), patrono: Immacolata Concezione (8 dicembre).

Centro posto alle pendici orientali del Vesuvio, nel cui parco nazionale è compreso. Abitato in epoca romana, fu legato al comune di Ottaviano. Fu danneggiato dalle varie eruzioni del Vesuvio, tra cui quella del 1631, la cui terza colata diede il nome al paese. Notevole la villa Bifulco (sec. XVII), con un torchio coevo.§ L'agricoltura produce uva da vino (terzigno e vesuvio DOC), ortaggi e frutta; è praticato l'allevamento avicolo e bovino. L'industria opera nei settori alimentare, dei materiali da costruzione (pietra lavica), dell'arredamento e dell'abbigliamento. È meta di turismo naturalistico ed escursionistico.§ Suggestivi i festeggiamenti del Carnevale, con carri allegorici e danze tipiche, tra cui quella del “laccio d'amore”.

Media


Non sono presenti media correlati