Questo sito contribuisce alla audience di

Tirana (città)

Guarda l'indice

(Tiranë). Capoluogo del distretto omonimo e capitale dell'Albania, 110 m s.m., 343.078 ab. (2001).

Generalità

Situata in un ampio e fertile bacino attraversato dal fiume Ishëm Collegata con il porto di Durazzo, sul Mare Adriatico, tramite una strada e una ferrovia, è il principale centro amministrativo e finanziario del Paese. Il suo centro monumentale fu ridisegnato tra il 1929 e il 1931 dagli architetti italiani A. Brasini e F. de Fausto. Ospita un'Università (1957), numerosi istituti superiori e di ricerca, musei e altre istituzioni culturali ed educative.

Storia

Fu fondata da Sulaymān pascià nel sec. XVII con il nome di Teheran, a ricordo di una sua spedizione in Persia. Rimase un centro modesto sino al 1913 quando, riconosciuta l'indipendenza albanese, vi si trasferirono le sedi diplomatiche straniere. Dichiarata capitale dell'Albania nel 1920, fu occupata dalle truppe italiane l'8 aprile 1939. Evacuata dalle truppe tedesche nel novembre 1944, vi fu proclamata la Repubblica popolare l'11 maggio 1946. Tra il 1950 e il 1960, grazie all'espansione industriale, registrò un forte incremento di popolazione.

Arte

Tra i resti della chiesa della Sorgente di Shëngjini (sec. IV-V) sono visibili mosaici con motivi geometrici multicolori e figure animali. La fortezza di Pertrela risale all'epoca medievale, mentre la fortezza di Preza venne edificata nel sec. XV. La moschea di Ethem Bey (sec. XVIII XIX) è uno dei pochi monumenti ancora integri presenti a Tirana La torre dell'Orologio è del 1830. Dopo la seconda guerra mondiale furono costruiti il palazzo della Cultura, il palazzo dei Congressi e il Centro della Cultura Internazionale. La chiesa cattolica di San Paolo, terminata nel 2001, è la più vasta della città. Il Museo Nazionale, inaugurato nel 1981, possiede circa 3.600 reperti del patrimonio culturale albanese, la cui parte più interessante va dal Paleolitico al sec. IV a. C. Una sezione è dedicata al periodo comunista.

Economia

La città è sede di industrie alimentari, tessili, meccaniche, chimiche, calzaturiere, cartarie, del cemento, del vetro e della porcellana. In crescente sviluppo il settore terziario, legato soprattutto alle funzioni politiche e amministrative della città. Aeroporto internazionale.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti