Questo sito contribuisce alla audience di

Turner, Joseph Mallord William

pittore inglese (Londra 1775-1851). Frequentati i corsi delle Royal Academy Schools, dal 1791 compì una lunga serie di viaggi, dapprima in Gran Bretagna, in seguito in Svizzera (1802) e in Italia (1819, poi nuovamente nel 1835 e 1840), dove i soggiorni a Venezia e l'esperienza dell'intensa luminosità dell'atmosfera furono determinanti per la definizione della sua visione. La formazione di Turner, oltre che sullo stile di J. R. Cozens, da cui derivò una visione più lirica che oggettiva della natura, si compì attraverso un attento studio dei paesisti olandesi e italiani, e soprattutto dei francesi Poussin e C. Lorrain. Di breve durata fu l'interesse dell'artista per i soggetti storici (La morte di Nelson, 1808, Londra, Tate Gallery), mentre si dedicò maggiormente al paesaggio storico-mitologico (Ulisse che deride Polifemo, 1829, Londra, National Gallery) e soprattutto al paesaggio puro, soggetto prediletto della sua crescente sapienza visiva e tecnica (notevole la serie di vedute londinesi, tra cui Mattinata di brina, 1813, e Richmond Hill, 1819, entrambe alla Tate Gallery di Londra). Nell'arco della produzione di Turner si può osservare una precisa evoluzione, dalle giovanili vedute caratterizzate dall'impianto classicheggiante, ma nelle quali già si nota l'attenzione alla resa degli effetti luministici, alle opere pienamente romantiche della maturità, dall'atmosfera vibrante e rarefatta, dove la luce e il colore, sfumando i contorni, si accendono nell'aria con infiniti e suggestivi riflessi (L'incendio del palazzo del Parlamento, 1835, Cleveland, Museum of Art; Tempesta di neve, 1842, Londra, National Gallery). Nell'ultima fase i suoi modi compositi si fecero più complessi, con audaci prospettive e movimenti a spirale della composizione, i cui protagonisti sono i colori e la luce (Pioggia, vapore e velocità, 1844, Londra, National Gallery). Della sua intensa attività di incisore va ricordato il Liber studiorum (1807-19), ispirato al Liber veritatis del Lorrain.

Media

Joseph Mallord William Turner.Joseph Mallord William Turner.