Questo sito contribuisce alla audience di

Vallata

comune in provincia di Avellino (69 km), 870 m s.m., 47,67 km², 3109 ab. (vallatesi), patrono: san Bartolomeo (24 agosto).

Centro situato nell'alto bacino del fiume Ufita. Citato per la prima volta in un documento del 1096, fece parte della Baronia di Vico e ne seguì le vicende; divenne feudo dei Del Balzo e dei Poderico. Fu danneggiato dal terremoto del 1980.La parrocchiale di San Bartolomeo (restaurata nei sec. XVI e XVIII e dopo il terremoto del 1980) conserva un portale del 1568 e un dipinto di G. Lanfranco (Martirio di san Bartolomeo, 1627).§ L'economia si basa sull'agricoltura (cereali, ortaggi, olive e tabacco), sull'allevamento ovino, caprino e bovino, e sull'industria alimentare (caseifici e frantoi), calzaturiera, informatica, dell'abbigliamento, degli infissi e della lavorazione delle materie plastiche e dei metalli. Tradizionale è la lavorazione di oggetti in vimini. È luogo di villeggiatura estiva.

Media


Non sono presenti media correlati